Interviste elettrizzanti: Ing. Alessandro De Berti di Energy Rental

Interviste altisonanti: Daniele Tramontani
3 Dicembre 2017
Interviste roboanti: Andrea Taglia – prima parte
7 Febbraio 2018

"Vasco Modena Park" powered by Energy Rental srl

 

Vi siete mai chiesti cosa c’è dietro la fornitura elettrica per un grande evento dal vivo? Un gruppo elettrogeno con alti standard qualitativi! L’ing. Alessandro De Berti, Business Developer Manager di Energy Rental, ci svela gli elementi più importanti del suo lavoro e della sua azienda, perché spesso, certe caratteristiche tecniche, si danno per scontate.

 

 

Energy Rental, sul proprio sito, dichiara: “Fornire energia elettrica per un evento, trasmesso a milioni di spettatori in tutto il mondo, non è la stessa cosa che dare potenza ad un cantiere edile”. Quali sono i punti chiave di questo confronto?

L’ing. Alessandro De Berti di Energy Rental

La differenza con il civile risiede nel fatto che tutti i nostri generatori sono montati su camion, per spostarsi con agilità e seguire anche i tour. I gruppi elettrogeni civili invece devono essere caricati su camion, trasportati, scaricati e installati in loco. Inoltre i generatori di Energy Rental sono tutti bigruppo, ovvero montano due macchine che in sincronismo si dividono il carico. In caso di problema su uno dei due generatori, l’altro sopperisce alla mancanza, garantendo la continuità del servizio.

Con la corrente alternata, è importante che i due motori girano alla stessa frequenza nel medesimo istante, sia per la fase di aggancio sia per quella di sgancio. Le due sinusoidi devono potersi sovrapporre: dovranno essere uguali in frequenza (esattamente 50 Hz), e soprattutto dovranno avere picchi e valli nello stesso istante temporale. La differenza con un gruppo elettrogeno edile risiede proprio in questa frazione di secondo. È molto importante che non ci sia un buco di neanche un istante durante lo switch, perché tutte le macchine elettroniche dello spettacolo hanno un loro ciclo di reset. Un riavvio in diretta di tutti i sistemi sarebbe impensabile! Un’altra caratteristica fondamentale, soprattutto per gli eventi in centro città, sta nella silenziosità del generatore. In particolar modo se i puntamenti luci devono andare avanti tutta la notte.

 

 

 

Sincronizzazione tra due generatori

 

 

L’Enel per contratto non garantisce la continuità del servizio e i nostri clienti vogliono assicurarsi una scorta. Inoltre c’è da dire che in Italia neanche le forniture elettriche dei palazzetti dello sport sono in grado di sopperire alle richieste standard di uno show.

Ovviamente, anche se abbiamo previsto la ridondanza del generatore, se c’è un guasto su una linea elettrica, questa smette di funzionare. Per questo dobbiamo fare in modo di avere delle linee elettriche più sicure possibili. Vuol dire, ad esempio, evitare passaggi di cavo su strade carrabili, anche se si usano canaline. Meno giunzioni ci sono su una linea e meno saranno le variabili.

Con i connettori si è raggiunto lo standard dei Powerlock che supportano correnti tra i 400 e i 660 Ampere. Devono essere in neoprene, e non in PVC. I cavi in neoprene sono più flessibili anche a basse temperature e invecchiano più lentamente, ma costano di più. Purtroppo sono più teneri e hanno bisogno di più manutenzione e più attenzione durante la posa, evitando angoli vivi o materiali che possono tagliarli. I cavi non vanno tenuti avvolti, perché si scaldano più velocemente, creando l’effetto di un elettromagnete.

 

 

 

 

 

 

Negli ultimi anni l’aumento dell’efficienza, lo sviluppo delle lampade a scarica e l’avvento dei led hanno modificato le vostre offerte?
Si, ma oggi le richieste di fornitura elettrica per i comfort di riscaldamento e condizionamento hanno superato quelle dell’impianto illuminotecnico. Non c’è sfilata di moda o evento mondano che tenga. Questo è il motivo per cui i nostri generatori sono sempre in crescita per dimensioni.

 

 

CURVA DI CAPACITA’ DELL’ALTERNATORE

 

 

Come stimate la fornitura necessaria per un evento?
Generalmente ci viene fornito un rider tecnico che integra la richiesta elettrica. Spesso sono richieste conservative: anche se servono 300 A, ne vengono comunque ordinate 400. Sono forniture standard, basate sulla portata dei Powerlock.

 

 

Due esempi distinti di richiesta per fornitura elettrica su grandi eventi live

 

 

Quali sono i fattori da tenere in considerazione per non andare “sotto” con la fornitura?

In base alle percentuali di carico richieste, se viene fornita istantaneamente tutta la potenza che un gruppo può erogare, potrebbe avvenire un abbassamento delle prestazioni. Diversamente è fornire tale richiesta con una rampa di crescita più lenta. I funzionamenti ad intermittenza posso creare problemi; per cui se ci chiedono 500 kW, forniamo una macchina più prestante, per mantenere lo slew rate almeno al 70%. C’è da dire che oggi, in termini di consumo, i fari motorizzati hanno le lampade sempre accese, a differenza di qualche tempo fa, quando si usavano lampade alogene.

 

 

Oltre i valori di tensione e corrente, dobbiamo considerare il cosfi (cosφ), ovvero lo sfasamento tra la forma d’onda in tensione e corrente. Ci sono macchine che invece di avere un cosfi perfetto a valore F1, hanno valori di 0.5 o 0.4. Questo comporta un de-rating importante del generatore che corrisponde ad un abbassamento delle prestazioni.

Anche l’altezza influisce sul de-rating, per via della rarefazione dell’aria: ogni mille metri abbiamo un abbattimento del 10% sul rendimento. Nella fornitura per gli eventi sciistici prestiamo molta attenzione a questo dato. Anche la temperatura influisce sulle prestazioni del gruppo elettrogeno, perché l’aria è più espansa e, a parità di volume, ne entra meno nel motore. Le alte temperature mettono sotto stress soprattutto il raffreddamento del generatore.

 

 

“Bellezze sulla Neve” era un programma Mediaset di fine anni ’80. Powered by Energy Rental srl

 

 

Percentuali di derating del generatore per temperatura e altezza